Meditazione 13/01/2019

Molte persone nel racconto di San Luca di questa lettura del Vangelo si stanno chiedendo se Giovanni il Battista è il Messia. Lo hanno visto chiamare molti peccatori alla conversione. Lo vedono sfidare l’autorità civile di Erode e proclamare che il Regno di Dio è vicino.   Si chiedono se è Elia o uno degli antichi profeti di Dio che è tornato. Ma lui parla alla gente “ti battezzo con acqua; ma colui che è più potente di me viene, il perizoma dei cui sandali non sono degno di sciogliere; egli vi battezzerà in Spirito Santo e fuoco.”Fisicamente è cugino di Gesù, ma dal momento del suo concepimento nel grembo di sua madre Elisabetta, quando la Madre dell’Altissimo, Maria venne a vederla, Gesù che il Verbo Incarnato lo ha santificato mentre era nel grembo di Maria. Sapeva dal profondo del suo cuore che Gesù è il Figlio di Dio. Questo è uno dei doni di Dio, lo Spirito Santo. Il dono della Conoscenza è stato dato a Giovanni e ha compreso la sua missione. Doveva preparare il popolo di Israele a Gesù.

 

Quando finalmente Gesù è entrato nell’acqua per essere battezzato, non ha peccato. Ma per arrendersi completamente alla volontà di Dio, si è offerto. Quando Giovanni il Battista versò dell’acqua sulla testa di Gesù, il Cielo si aprì. La rivelazione della Santa Trinità è mostrata in questo Vangelo. Dio lo Spirito Santo scese dal cielo per santificare Dio Figlio. Dio il Padre parlò dal cielo e disse: “Tu sei il mio amato Figlio; con te sono molto contento. ” L’evangelista Luca ha mostrato nei suoi scritti l’impressionante Misericordia di Dio. Dio Padre, che è perfetto, ha mandato il suo Figlio, Gesù che è l’offerta perfetta ed è stato benedetto dallo Spirito Santo che offre una benedizione perfetta. Solo un Dio perfetto può offrire un’offerta perfetta per la redenzione del peccato. Solo un Dio amorevole che ci ha amato così tanto ha mandato il suo Figlio amorevole a salvarci. Dio vuole santificare tutti. È per questo che ha scelto un pesce, che in seguito è stato chiamato Peter per essere il “rock”. Questa fondazione stabilita da Gesù è stata quella di portarci nella famiglia del Regno dei Cieli.   Gesù diede a Pietro ea tutti gli apostoli il potere di battezzare, di assolvere il perdono dei peccati, di ordinare gli ordini sacri, di benedire i matrimoni, di offrire il santo crisma agli ammalati e, soprattutto, di portare la presenza di Gesù sull’altare maggiore per noi consumare. Dobbiamo sempre ricordare che questi sono doni che non meritiamo. È stato liberamente offerto da Dio perché ci ha amati e vuole salvarci. Dobbiamo tutti rispondere alla chiamata e offrirgli chi è santo, la più alta lode. Cristo è la nostra forza, è il nostro nutrimento come diceva San Padre Pio. Ora siamo buoni amministratori del mondo e continuiamo a portare più anime a Dio e portare i nostri migliori doni al banchetto. Facciamo del bene in questa vita e mostriamo amore. Perché Dio ci giudicherà su quanto abbiamo amato sulla terra. Come abbiamo amato lottare per portare il suo regno agli altri.

 

Nel Nome del Padre, e del Figlio e dello Spirito Santo Amen!

Aaron JP

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: