Doveri sacri alla parte 1 dei genitori Aaron Joseph Hackett | Insegnamento dell’Antico Testamento | 2019/12/29

Pace e buone notizie siano su di voi, fratelli e sorelle che seguite e credete nella Parola di Dio che dà vivente! Possa la sua Saggezza Eterna aprire i vostri cuori e liberare la mente per comprendere i seguenti insegnamenti. Guardiamo al Quarto Comandamento che è stato scritto dal dito di Dio stesso al profeta Mosè sul Monte Sinai. “Onora tuo padre e tua madre, affinché i tuoi giorni siano lunghi nella terra che il Signore tuo Dio ti dà”Questo comandamento è molto importante. Ci mostra che Dio stesso ha stabilito un ordine naturale per l’uomo. L’uomo, essendo creato a immagine e somiglianza di Dio, ha posto in ogni essere umano questa “regola non scritta” che tutti sappiamo essere vera. Questa “regola” guida l’uomo sul modo migliore per eseguire l’ordine della vita, usando la sua ragione naturale intorno a lui e come implementare al meglio tutte le generazioni che lo seguono.

Da questo Santo Comandamento, Sirach, un Anziano della Legge di Dio ha voluto mostrarci come possiamo applicare al meglio questo nella nostra vita quotidiana. Abbattiamo i suoi scritti e prego che Dio apra le tue anime per vedere ciò che vuole che tu impari oggi.

“Ascoltami tuo padre, o figli; e agire di conseguenza, affinché tu possa essere tenuto al sicuro. Perché il Signore onorò il padre sopra i figli e confermò il diritto della madre sui suoi figli. Chi onora suo padre espia i peccati e chiunque glorifica sua madre è come uno che predispone un tesoro. Chi onora suo padre sarà rallegrato dai suoi stessi figli e quando pregherà, sarà ascoltato. Chi glorifica suo padre avrà una lunga vita, e chiunque obbedirà al Signore ristorerà sua madre; servirà i suoi genitori come padroni ”.

Sirach sta prima attirando l’attenzione delle persone, in particolare dei bambini nella società. Sta spiegando loro che, quando un bambino agisce in conformità con la Legge di Dio, sono tenuti “al sicuro” dalle insidie ​​di questo mondo. Le “insidie” sono la tentazione del mondo, della carne e del diavolo, i modi sbagliati dell’uomo, a causa della natura umana oscura che ognuno deve naturalmente combattere in se stesso, a causa dei “peccati originali” dei nostri primi genitori, la ribellione dei nostri corpi contro le nostre stesse anime nel regno morale e spirituale. Dio Onnipotente ha ordinato che un Padre sia a capo della famiglia. È responsabile e responsabile di ogni azione intrapresa dalla sua famiglia. Condivide la santa responsabilità con sua moglie. Sono entrambi sopra i loro figli nell’educazione e nel comportamento che vengono mostrati quotidianamente. “Chi onora suo padre espia i peccati”. Questa parte parla dei peccati veniali che commettiamo quotidianamente. Quando facciamo bene nei confronti dei nostri genitori, Dio che vede tutto lo terrà in considerazione e qualunque piccola offesa commetta, viene “spazzato via”. Non per merito che possiamo aver guadagnato o meno, ma perché Dio desidera che la sua creazione abbia un senso di amore e unità reciproca. Il tesoro che viene immagazzinato, sono le “monete” che vengono misurate sulla scala al giorno del tuo giudizio. Poiché viviamo e moriamo in base alle nostre scelte, fratelli e sorelle, ogni azione che intraprendiamo o non facciamo viene presa in considerazione. Potresti non pensare che sia una parte importante ora, ma alla fine, qualsiasi cosa sarà usata per la nostra salvezza o per la nostra dannazione. Quando avremo i nostri figli, vedranno l’esempio che hai mostrato loro con i tuoi genitori, che vorranno fare tutto ciò che è in loro capacità per renderti felice con loro. Dal momento che nutriamo rinforzi positivi, così i nostri figli desiderano lo stesso per noi. Quando preghiamo Dio Onnipotente, egli sa cosa è scritto nel cuore dell’uomo e, conoscendo l’uomo, Dio già sa cosa abbiamo fatto o non l’abbiamo fatto, garantirà qualsiasi favore lui, non noi ritenuti necessari per questa vita quotidiana. Il Signore ascolta coloro che lo temono e segue le sue vie. Il peccatore ignora e viene scacciato dagli occhi. La lunga vita è un dono di Dio. Determina chi vive più a lungo e la cui vita è abbreviata, in base a come si è vissuti secondo lo stato dell’anima. Uno può naturalmente essere sano, mangiare una buona dieta ed esercizio fisico, ma può ancora soccombere alla malattia e alla morte. Non possiamo controllare quando moriremo, ma abbiamo la scelta, la capacità di scegliere come dettare quotidianamente la nostra vita. Quando seguiamo le leggi di Dio, questo porta sollievo alle nostre madri. Vogliono naturalmente il meglio per i loro figli. Desiderano che i loro figli e le loro figlie siano felici e che la vita sia appagamento per loro.

CCC 2197 (stampa, 2016) afferma che “Il quarto comandamento apre la seconda tabella del Decalogo. Ci mostra l’ordine della carità. Dio ha voluto che, dopo di lui, dovremmo onorare i nostri genitori a cui dobbiamo la vita e che ci hanno trasmesso la conoscenza di Dio. Siamo obbligati a onorare e rispettare tutti coloro che Dio, per il nostro bene, ha investito della sua autorità. ”La carità è importante, perché aiuta a insegnare all’uomo a non essere egoista. È scritto nella nostra coscienza che tutto è stato creato da Dio e nella sua creazione, è stato buono. Dio è il numero uno e dovrebbe essere il numero uno nella nostra vita. La parte secondaria sono i nostri genitori. Noi, come bambini, siamo la spina dorsale della società. Metteremo in atto le nuove leggi; aiuteremo a costruire comunità molto più grandi e aiuteremo nel nostro sviluppo sociale. I nostri genitori ci insegnano le leggi dell’uomo e le leggi di Dio. Sono responsabili di mostrarci il modo migliore di vivere la vita. Saranno tenuti nel massimo conto sul fatto che siamo stati raccolti correttamente o in modo errato. Se non fosse per i nostri genitori scegliere di riunirci, biologicamente, non verremmo in esistenza. Dobbiamo ai nostri genitori il nostro rispetto, anche se ci hanno deluso da bambini. Poiché ognuno ha una volontà umana, abbiamo di nuovo la macchia originale del peccato a causa della nostra natura umana caduta, facciamo errori e talvolta, se non la maggior parte, non riusciamo a soddisfare le aspettative dei nostri figli su di noi.

CCC 1897 “La società umana non può essere né ben ordinata né prospera a meno che non abbia alcune persone investite con l’autorità legittima per preservare le sue istituzioni e dedicarsi per quanto è necessario per lavorare e prendersi cura del bene di tutti.” Le famiglie sono la base per le società umane, e senza che noi guidiamo i nostri figli, ciò porterebbe al caos! Questo vale per i leader mondiali, i politici e coloro che governano su di noi. Dio ha creato l’uomo per vivere in armonia gli uni con gli altri e aiutarsi a vicenda. Siamo strutturati nutrirsi reciprocamente (intellettualmente e talvolta letteralmente) per creare un delicato equilibrio nel nostro mondo. Ora ciò non significa che vivremo tutti in un mondo euforico, ma significa che possiamo imparare a far fronte e crescere e vivere in armonia e pace gli uni con gli altri.

CCC 2208 “La famiglia dovrebbe vivere in modo tale che i suoi membri imparino a prendersi cura e ad assumersi la responsabilità di giovani, anziani, malati, portatori di handicap e poveri. Ci sono molte famiglie che a volte non sono in grado di fornire questo aiuto. Passa quindi ad altre persone, altre famiglie e, in modo sussidiario, alla società per provvedere ai loro bisogni: “La religione pura e incontaminata davanti a Dio e al Padre è questa: visitare orfani e vedove nella loro afflizione e mantenere se stessi fuori dal mondo “. Ora permettimi di condividere la mia testimonianza personale. Il mio vero padre è stato assassinato quando avevo un anno. Mia madre era incinta di mia sorella durante questo periodo in cui è successo. Ovviamente, la mia capacità di ragionamento non è riuscita a capirlo, perché non ho ancora raggiunto l’età della comprensione. Questa violenza colpisce i bambini e la famiglia in modo fisiologico (un argomento lungo la strada, che esplorerò di più con te). Crescere senza padre era difficile. Mia madre si risposò quando avevo circa quattordici anni e il mio patrigno mi adottò e io presi il suo cognome. Il mio sviluppo mentale ha iniziato a cambiare e mi sono riadattato per adeguarmi a questo nuovo modo di vivere. Avanzamento veloce di vent’anni in futuro. Mio padre adottato si ammalò gravemente e aveva bisogno di qualcuno che si prendesse cura di lui. Mia sorella e mia madre hanno fatto del loro meglio per rendere i suoi ultimi giorni a proprio agio. Sono stato in grado di vedere mio padre durante la sua ultima settimana di vita. Sono stato in grado di pregare per lui e dirgli che l’ho amato per tutto ciò che ha fatto per me. Ho anche chiesto il suo perdono nei tempi in cui ero “scarsamente” come figlio. Dobbiamo tutti ricordare che non possiamo controllare la vita dei nostri genitori. Non possiamo fermare le loro cattive scelte. Gli esempi potrebbero essere di essere violenti, abusi sessuali, abbandono, ecc. Nessuno sulla terra ha i genitori perfetti Ma ciò che possiamo fare è pregare Dio che guarisca la frattura. Ripara il pezzo di vita in frantumi che tutti gli esseri umani hanno sperimentato, ma soprattutto impariamo dai nostri errori e dagli errori dei nostri genitori, degli anziani, di essere una persona molto migliore nella società. Quando amiamo veramente qualcuno, “Faremo il bene dell’altro”, dice San Tommaso d’Aquino. Non desideriamo altro che il meglio per una persona. Stiamo lavorando per un amore “ordinato” che sia naturale e amorevole. Ciò richiede anni di preghiera e discernimento, ma quando Dio mostra un’anima, come amare veramente, è una cosa straordinaria che solo tu desideri, è stata replicata.

Chiudiamo con questa preghiera. Dio onnipotente e sempre vivo, ti ringraziamo per la santa parola che hai rivelato a Mosè, al tuo Profeta e a questo insegnamento di Sirach il Vecchio. Possa tu continuare a guidarci con l’amore dello Spirito Santo. Possiamo anche seguire l’esempio di Gesù, tuo Figlio, che visse e morì per la salvezza di tutta l’umanità. Possa tu Dio vivente mostrarci il vero amore e la vera gioia verso i nostri genitori. Per questo ti chiedo Dio celeste, Amen.

 

Sii benedetto fratelli e sorelle,

Aaron J Hackett

 

 

 

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: