Dio ripara lo spirito umano spezzato

I Salmi sono meravigliose preghiere profonde del re David. Durante questo particolare periodo, il profeta Nathan venne a visitarlo. Nel Salmo 51 , parla del grido interiore dell’uomo. Quel grido interiore è il grido per l’unità con Dio. Dall’esistenza dell’Uomo, abbiamo fame di quella pace interiore. Quell’amore interiore del nostro creatore, che non abbiamo ancora visto, nel nostro nucleo più profondo, sappiamo che è in giro e ci ama. Permettimi di abbattere questa profonda, personale preghiera dell’anima!

 

“Abbi pietà di me, o Dio, secondo il tuo costante amore;
secondo la tua abbondante misericordia cancella le mie trasgressioni.
Lavami a fondo dalla mia iniquità e purificami dal mio peccato! ”

Noi la creatura riecheggia i nostri sentimenti più profondi verso il Maestro. Come un bambino, gridiamo a Dio misericordioso! Sappiamo che siamo il più grande trasgressore del suo amore. Lo stiamo implorando di “lavare via” la nostra macchia più nera dell’anima. È una macchia che è stata contrassegnata dalle nostre scelte sbagliate. Le nostre scelte sono influenzate dai demoni, poiché stanno sempre tramando la nostra distruzione.

“Perché conosco le mie trasgressioni e il mio peccato è sempre davanti a me.
Contro di te, solo te, ho peccato e fatto ciò che è male ai tuoi occhi,
così che tu sia giustificato nella tua sentenza e irreprensibile nel tuo giudizio.
Ecco, sono stato generato nell’iniquità e nel peccato mia madre mi ha concepito ”.

Noi come esseri umani siamo pienamente coscienti, pienamente consapevoli dei nostri crimini davanti a Dio Onnipotente. Non possiamo nascondere il fatto delle nostre azioni, perché la nostra coscienza ci ha condannato. Poiché Dio è un giudice perfetto, ha il diritto di condannarci e il suo giudizio è rapido. Siamo nati con il “peccato originale”. Portiamo questa macchia dalla ribellione di Adamo ed Eva.

“Ecco, tu desideri la verità nell’essere interiore; perciò insegnami la saggezza nel mio cuore segreto. Purificami con l’issopo e sarò pulito; lavami e sarò più bianco della neve.
Riempimi di gioia e letizia; fa gioire le ossa che hai spezzato.
Nascondi la tua faccia dai miei peccati e cancella tutte le mie iniquità. “

Dio che è onnipotente e onnipotente, sa tutto. La sua saggezza va oltre ogni comprensione umana. Come afferma San Tommaso d’Aquino nella sua Summa Theologica, che Dio è il “motore impassibile”. Solo Dio può darti il ​​dono divino della purezza della mente, solo lui può riparare un cuore spezzato. Può lavare via le nostre macchie della nostra sporcizia ed essere reso intero in sua presenza.

“Allora insegnerò ai tuoi trasgressori le tue vie e i peccatori torneranno a te.
Liberami dalla colpa del sangue, o Dio, tu Dio della mia salvezza,
e la mia lingua canterà ad alta voce della tua liberazione. “

 

Con Dio che concede la sua misericordia, puoi quindi condividere con gli altri la sua misericordia. La Parola di Dio è un’arma a doppio taglio, e solo per le sue grazie, può frantumare quel ghiaccio che è attorno ai nostri cuori. Gli chiediamo di liberarci dal nostro peccato, perché senza di lui siamo deboli e facilmente tentati. Le nostre labbra sono in fiamme per la Parola vivente di Dio e cantiamo ad alta voce della sua bontà.

“O Signore, apri le mie labbra e la mia bocca mostrerà la tua lode.
Perché non hai diletto nel sacrificio; se dovessi fare un olocausto, non ti farebbe piacere. Il sacrificio accettabile per Dio è uno spirito spezzato; un cuore spezzato e contrito, o Dio, non disprezzerai ”.

Chiediamo allo Spirito del Dio vivente di aprire le labbra. “Poiché dalla bocca delle ragazze hai udito un elogio perfetto” è ciò che Gesù disse ai suoi discepoli. Dio non vuole il sacrificio degli animali, ma il sacrificio dei tuoi cuori e anime per lui. Ti unirai alla sua perfetta volontà. Quando si riconosce che è stato strappato dentro a causa della sua peccaminosità, allora Dio può iniziare a ricostruire la mente spezzata, riparare il cuore lacerato e purificare la mente avvelenata.

“Fai del bene a Sion nel tuo buon piacere; ricostruisci le mura di Gerusalemme,
poi ti diletterai dei giusti sacrifici, delle offerte bruciate e di tutte le offerte bruciate;
allora i tori saranno offerti sul tuo altare. “

Questo passaggio finale non parla di una ricostruzione fisica del muro di Gerusalemme, ma sta implorando Dio per la ricostruzione della razza umana! Siamo tutti creati a sua immagine e siamo fatti per portare la vera adorazione nel mondo. Solo allora, possiamo riunirci tutti e adorare l’unico vero Dio. Il Dio perfetto, il Dio Onnipotente che vedremo nel suo modo più perfetto nella Visione Beata. Per coloro che Dio ha trovato degno di stare con lui in cielo, si crogiolerà nel suo amore vero e ininterrotto. Un amore che nessun amore umano può eguagliare. Possiamo quindi mangiare con l’Agnello che è stato ucciso sull’altare per i peccati del mondo!

 

Fratelli, non dimenticate mai l’Amore di Dio Onnipotente. Il suo desiderio è che nessuna anima sia persa. Vuole che tutta la sua creazione lo ami e lo adori per sempre! Possa la misericordia di Dio venire su di te e che tu possa trovare gioia ai suoi occhi!

Dio vi benedica tutti,

 

Aaron J

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: