Meditazione 2-17-2019

Nella lettura del Vangelo di oggi, Gesù scese con tutti i suoi dodici discepoli e cominciò a tenere un sermone a una grande folla di persone.

 

“Beati voi poveri, perché il regno di Dio è vostro.”

 

Gesù non sta parlando della povertà fisica, ma della povertà nei nostri cuori, è un abbandono interno alle cose del mondo e il desiderio di seguire Dio. Perché quando desideriamo Dio, tutto ciò che accade intorno non ha importanza perché cerchiamo un obiettivo molto più alto, l’obiettivo di essere con Dio e di amarlo per l’eternità.

 

“Beata te adesso quella fame, perché sarai soddisfatto.”

 

Prima della caduta dell’uomo, le nostre anime erano unite con i nostri corpi in armonia e avevamo una perfetta armonia con Dio. Dopo la caduta, abbiamo perso questa connessione con Dio e da quel momento in poi, abbiamo questo desiderio interiore o “fame” da riempire con la pace più perfetta. Quella perfetta unità con Dio. Si costruisce dal nostro desiderio di seguire Dio. Lo riempiamo di cose così vuote che tendiamo a guardare nei posti sbagliati. Dio vuole riempire quel vuoto. Solo lui ha il potere di soddisfare quel profondo desiderio che hai nella tua vita, che è la perfetta unità con lui.

 

“Beato te che piangi ora, perché riderai”.

 

Gesù sta parlando della sofferenza che viviamo. Soffriamo cose che a volte possono sembrare al di fuori della forza umana. Quel dolore potrebbe essere un bambino, che è caduto dalla chiesa o qualcuno che è tossicodipendente. Potremmo anche sentirci come Giobbe, che cerca di vivere una vita santa e tutto sembra andare storto. È quando siamo ai nostri più deboli, che il potere di Dio è il più forte. Come dice San Paolo, dobbiamo continuare a correre per finire la gara. Rimani concentrato perché questa volta è breve, quindi quando ci aggrappiamo a Dio fino alla fine, possiamo avere fiducia che Dio ci eleverà, se ci sforziamo di vivere una vita santissima.

 

“Beati voi quando gli uomini vi odiano e quando vi escludono e vi insultano e scacciano il vostro nome come malvagio, a causa del Figlio dell’uomo!   Rallegrati in quel giorno e salta di gioia, poiché ecco, la tua ricompensa è grande in cielo; per questo i loro padri hanno fatto ai profeti “.

 

Gesù sa che vivi nel mondo, ma non sei parte del mondo. Questa terra è un campo di battaglia. Quando lavori per la tua salvezza, il mondo non vuole che tu ami Dio. Vogliono che ti concentri sulla tua felicità e ti rendi un “dio”. Se non fai parte della folla, sarai perseguitato e soffrirai grandi cose. Ti accuseranno di ogni tipo di male e insulti. Prenderanno anche la tua vita. Ma se stai in piedi e proclami Gesù come tuo Signore e salvatore. Riceverai le grazie dello Spirito Santo per testimoniare dinanzi a re e sovrani. Ora è il momento di chiedere che le grazie siano degne di morire nello stato di grazia. Per essere fermi nella credenza dell’uno, vero Dio. Dio e tutto il cielo ti stanno aspettando. C’è un posto per te se scegli Dio.

 

“Ma guai a te che sei ricco, perché hai ricevuto la tua consolazione. Guai a voi che siete pieni ora, perché avrete fame. Guai a te che ora ridi, perché piangi e piangi. Guai a te, quando tutti gli uomini parlano bene di te, così fecero i loro padri ai falsi profeti “.

 

Gesù sta avvertendo quelli che scelgono il mondo su di lui. Colui che non segue i comandamenti, coloro che si sono dati a vizi e peccati. Quelli che seguono le false fedi e coloro che fanno un passo verso il loro prossimo per rivendicare il meglio per se stessi. Gli spietati ei malvagi subiranno una morte orribile, se finiranno all’inferno. La persona verrà ricordata per il resto dell’eternità, perché sono finiti lì.Soffriranno tormenti inimmaginabili. Saranno torturati dai demoni e non conosceranno mai più la pace. Coloro che ti incoraggiano nella tua vita e ti stanno dicendo che stai facendo la cosa giusta e che dovrebbero interessarti solo di te stesso e di nessun altro, ti stanno guidando fino alle porte dell’inferno.   Dio manda il suo aiuto, manda le persone a farti girare. Ti manderà perfino una malattia nella tua vita per cambiare i tuoi modi prima di morire. Ma alla fine, devi decidere se scegliere Dio o no.

 

Preghiamo,

 

Dio misericordioso, ti prego per la grazia di essere dispiaciuto per il mio peccato. Rompi le catene del male nella mia vita che io possa girarmi e salvare la mia anima. Aiutami ad essere più utile al mio vicino.Consentitemi di dare ai poveri, aiutare i deboli, proteggere gli innocenti e aiutarmi verso la luce. Chiedo l’intercessione di Nostra Signora di Guadalupe, Maria Regina del Cielo e della Terra, per guidarmi sullo stretto sentiero della vita, per raggiungere le porte del paradiso e avere una morte pacifica e gioiosa. Te lo chiediamo nel tuo potente nome, Amen!

 

Che Dio vi benedica,

 

Aaron JP

 

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: