Preparazione per la Quaresima

Fratelli e sorelle in Cristo. È di nuovo il momento in chiesa per iniziare i nostri quaranta giorni di preparazione per la Settimana Santa. So cosa stai pensando? Non l’ho già fatto? Perché devo passare attraverso la stessa routine degli altri anni? Fratelli, non dobbiamo essere onerati con la nostra salvezza personale! Come disse Paolo Apostolo di Cristo, Atti 4:12 “E non c’è salvezza in nessun altro, perché non c’è nessun altro nome sotto il cielo dato tra gli uomini per mezzo del quale dobbiamo essere salvati.” È più che semplicemente non mangiare carne il venerdì. È nell’Intenzione sul credente di Dio che desidera dare il meglio di Se stesso. San Tommaso d’Aquino nella sua Summa Theologiae Articolo 1, sezione 12 “Intenzione, come la stessa parola denota, significa” tendere a qualcosa “. Ora sia l’azione del motore che il movimento delle cose si muovono, tendono a qualcosa. Ma che il movimento della cosa mossa tende a tutto, è dovuto all’azione del motore. Di conseguenza, l’intenzione appartiene prima di tutto e principalmente a ciò che si muove fino alla fine: quindi diciamo che un architetto o chiunque sia in autorità, con il suo comando sposta gli altri a ciò che intende. Ora la volontà muove tutti gli altri poteri dell’anima fino alla fine, come mostrato sopra (I-II: 9: 1). Pertanto è evidente che l’intenzione, propriamente parlando, è un atto di volontà. ” Dio legge il nostro cuore e ci conosce meglio di quanto noi stessi conosciamo. Le nostre azioni sono ciò che conta alla fine. Non abbiamo fatto o no qualcosa di perfetto, ma qual era il nostro obiettivo finale. L’elemosina è un’altra parte importante durante la quaresima. Non dobbiamo trascurare la vedova, il bambino affamato e il povero. Diciamo che vivevo in Indonesia e la mia famiglia aveva solo un pesce al forno con riso e verdure. Ho notato che il mio vicino di casa, che è vedova e lei ha s tre bambini piccoli e nulla da mangiare. La mia azione naturale sarebbe prendersi cura di me stesso. Eppure, poiché amo Dio per tutte le benedizioni, mi ha elargito, non potrò estendere la misericordia e dare metà del mio cibo a questa povera vedova? Non è scontato che lei non abbia parenti maschi per prendersi cura di lei, ma qual è il suo bisogno in quel momento. È facile dire “pregherò per te”. Ma ti stai prendendo cura del bisogno dell’individuo? Levitico 23:22 “E quando raccoglierai il raccolto della tua terra, non mieterai il tuo campo fino alla sua stessa frontiera, né raccoglierai le spighe dopo il raccolto; li lascerai ai poveri e agli stranieri: io sono il Signore Dio tuo “.

 

Tobit 13: 6 “Se ti rivolgi a lui con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima, per fare ciò che è vero prima di lui, allora si rivolterà a te e non nasconderà la sua faccia da te. Ma vedi cosa farà con te;ringraziarlo con la tua voce piena. Lodate il Signore della giustizia ed esaltate il Re dei secoli. Gli do grazie nella terra della mia prigionia, e mostro il suo potere e la sua maestà a una nazione di peccatori.Torna indietro, peccatori, e fallo proprio davanti a lui; chissà se lui ti accetterà e avrà pietà di te? ” Dio vuole che tu mostri misericordia verso i tuoi fratelli e sorelle. Come si può avvicinarsi al trono di Dio e avere un peccato contro suo fratello? Come puoi chiedere l’intercessione degli Angeli e dei Santi se hai un cuore infame? Le tue preghiere saranno vane! Se vuoi essere perdonato da Dio, allora devi mostrare pietà. Gesù Cristo stesso spiega in Matteo 5: 21-26 “Avete udito che fu detto agli antichi: Non uccidere; e chiunque uccide sarà passibile di giudizio ».   Ma io vi dico che chiunque è arrabbiato con suo fratello sarà passibile di giudizio; chiunque insulti suo fratello sarà responsabile nei confronti del consiglio, e chiunque dirà: “Sciocco!” sarà responsabile per l’inferno di fuoco.   Quindi se offri il tuo dono all’altare, e ricorda che tuo fratello ha qualcosa contro di te, lascia il tuo dono lì davanti all’altare e vai; prima riconciliarti con tuo fratello, e poi vieni a offrire il tuo dono.   Fai amicizia rapidamente con il tuo accusatore, mentre vai con lui in tribunale, per timore che il tuo accusatore ti consegni al giudice e il giudice alla guardia, e tu venga messo in prigione; veramente, ti dico, non uscirai mai finché non avrai pagato l’ultimo centesimo. “La tua stessa follia sarà la tua fine. Perdona e il Signore perdonerà i tuoi peccati. Non lasciare che i tuoi cuori si induriscano miei fratelli e sorelle.

 

Ricordiamo il Dio che ci ama così tanto e desidera essere vicino a noi ogni giorno della nostra vita. Possa la Misericordia di Cristo avvicinarci al suo cuore. Che i nostri cuori siano aperti alla Parola Eterna del Dio Vivente, affinché possiamo condividere il messaggio di pace. Dio ti benedica durante questi quaranta giorni di fratelli!

 

Amore,

 

Aaron JP

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: